DISPENSA TECNICA n.12

Esercitazioni tecniche per la corsa del SALTO IN ALTO

>> Scarica VIDEO (.wmv 145MB) 

>> Scarica PDF (.pdf 87KB)

Clicca con il tasto destro e seleziona "Salva destinazione con nome".

 

Comitato FidalVeneto 2010 - tutti i diritti riservati



ESERCITAZIONI PER LA CORSA TECNICA DEL SALTATORE IN ALTO


di Michele Bordignon - Collaboratore settore salti C.R. Fidal Veneto



In questa dispensa tecnica si propongono alcune esercitazioni didattiche per lo sviluppo della tecnica di corsa del saltatore in alto. Le esercitazioni proposte hanno lo scopo di consolidare schemi motori utili sia per la fase di corsa rettilinea che per la fase di corsa curvilinea con l'obiettivo finale di impostare correttamente le diverse fasi della rincorsa del saltatore in alto. Le diverse varianti possibili nell'esecuzione degli esercizi proposti possono essere utilizzate per un miglioramento degli aspetti coordinativi e propriocettivi necessari al fine di acquisire una buona padronanza del gesto tecnico e di assimilare una corretta postura nella fase di rincorsa - stacco.










RULLATA CON PASSAGGIO ALLA CORSA


Esercitazione

Variazioni all’esercizio

Obiettivo

Indicazioni tecniche

Andatura analitica di rullata tacco-punta con passaggio alla corsa.

Rullata con variazioni di velocitÓ, esecuzione della rullata con passaggio alla corsa rullata.

Sensibilizzare l’atleta all’appoggio del piede di tutta pianta ed a mantenere l’allineamento tra busto e arto di spinta.

  • appoggio rullato dal tallone
    all’avampiede

  • mantenere l’allineamento tra
    busto e arto di spinta

  • mantenere la linearitÓ
    nell’avanzamento del bacino
    (evitare eccessive fasi aeree)

  • mantenere l’assetto in fase di
    accelerazione

  • mantenere la compattezza al momento dell’appoggio

  • verificare la completezza delle
    spinte nella fase di corsa


RULLATA CON PASSAGGIO AL “PASSO PELVICO”


Esercitazione

Variazioni all’esercizio

Obiettivo

Indicazioni tecniche

Andatura analitica di rullata tacco-punta con passaggio ad azione di “passo pelvico” .

Diversa posizione degli arti superiori.

Sensibilizzare l’atleta all’avanzamento del bacino, allo sbloccaggio delle anche, alla compattezza ed allineamento del busto al momento dell’appoggio.

  • appoggio di tutta pianta con
    leggero anticipo di tallone

  • mantenere l’allineamento tra
    busto e arto di spinta

  • evitare rotazioni del busto

  • porre attenzione al
    completamento della spinta

  • accentuazione dell’avanzamento
    delle anche sul piano sagittale
    (azione di “passo pelvico”)


VARIAZIONI SULLA CORSA DEL SALTATORE


Esercitazione

Variazioni all’esercizio

Obiettivo

Indicazioni tecniche

Tecnica di corsa con braccia tese, passaggio dalla rullata alla corsa.

Le braccia possono essere portate tese dietro o tese in alto tenendo tra le mani un bastone.

Sensibilizzare l’atleta all’avanzamento del bacino, alla compattezza ed allineamento del busto al momento dell’appoggio, ad un controllo dell’assetto nella fase di accelerazione.

  • verificare la linearitÓ degli
    appoggi

  • come nel video 1





ANDATURE DI CORSA IN CURVA


Esercitazione

Variazioni all’esercizio

Obiettivo

Indicazioni tecniche

Esercitazioni in curva con stacco finale (rullata, passo pelvico, skip monopodalico).

Possono essere effettuate le pi¨ svariate andature con modalitÓ simili agli esercizi precedentemente descritti e con raggi diversi di curva.

Sensibilizzare l’atleta alla corsa in curva, all’azione dell’arto esterno alla curva che deve rientrare-avanti nella traiettoria di corsa.


  • esecuzione delle andature
    seguendo la traiettoria della curva

  • effettuare le esercitazioni su
    entrambe le direzioni di curva

  • puntualizzare l’azione dell’arto
    esterno alla curva che effettua pi¨
    strada rientrando-avanti nella
    linea di curva

  • effettuare l’esercizio con una
    ritmica crescente

  • si possono effettuare gli ultimi
    appoggi correndo per
    puntualizzare meglio l’azione di
    stacco


ESERCITAZIONI DI CORSA IN CURVA


Esercitazione

Variazioni all’esercizio

Obiettivo

Indicazioni tecniche

Corsa in curva con stacco finale.

Possono essere variati i raggi di curva e le modalitÓ di corsa.

Sensibilizzare l’atleta alla corsa in curva ed alle sue specificitÓ, dall’inclinazione verso l’interno della curva all’azione dell’arto esterno che rientra avanti nella linea di curva.

  • eseguire l’esercizio in accelerazione e su
    entrambe le direzioni di curva

  • ricercare l’inclinazione verso l’interno della
    curva mantenendo l’allineamento corporeo
    (evitare false inclinazioni) ed il parallelismo tra le
    spalle e le anche

  • collocare il piede interno pi¨ esternamente alla
    proiezione verticale del baricentro e
    puntualizzare l’azione dell’arto esterno alla curva
    che effettua pi¨ strada rientrando-
    avanti nella linea di curva

  • mantenere la spalla interna alla curva pi¨ bassa
    rispetto alla spalla esterna

  • mantenere l’inclinazione fino al momento dello
    stacco

  • ricercare l’avanzamento del bacino rispetto alla
    linea delle spalle in particolare negli ultimi
    due appoggi che precedono lo stacco

  • corretto approccio del piede a terra (di tutta
    pianta e non di avampiede)

  • l’appoggio del piede dovrÓ avvenire sul suo asse
    longitudinale (senza rotazioni)

  • ricercare un avanzamento lineare limitando la
    fase aerea di corsa

  • il punto di stacco deve essere perpendicolare al
    primo ritto o leggermente pi¨ avanti







ESERCITAZIONI DI CORSA SU PERCORSO AD S


Esercitazione

Variazioni all’esercizio

Obiettivo

Indicazioni tecniche

Esercitazioni di corsa in curva su percorso ad S.

L’esercizio pu˛ essere svolto con diverse modalitÓ di corsa e diversi raggi di curva.

Sensibilizzare l’atleta alla corsa in curva sensibilizzare puntualizzando la fase di accelerazione in ingresso curva.

  • accelerare all’inizio della curva e
    rallentare nella fase d’inversione
    della curva.

  • come nel video 5








ESERCITAZIONI SULLA RINCORSA


Esercitazione

Variazioni all’esercizio

Obiettivo

Indicazioni tecniche

Seguire una rincorsa tracciata con diverse modalitÓ di corsa.


Possono essere proposte diverse varianti ritmiche ed alla modalitÓ di corsa. L’atleta pu˛ correre effettuando un curva senza alcuna indicazione, esternamente ad una curva tracciata precedentemente, seguendo una curva tracciata con dei mini-over o con dei segni a terra.

Sensibilizzare l’atleta a staccare sulla perpendicolare al primo ritto ad una corretta distanza dal materasso. Costruire una ritmica di corsa ricercando una modalitÓ di corsa decontratta.


  • eseguire la rincorsa con la massima
    decontrazione

  • ricercare una ritmica crescente

  • sono valide le indicazioni dei video
    precedenti




RINCORSA DEL SALTO IN ALTO


Esercitazione

Variazioni all’esercizio

Obiettivo

Indicazioni tecniche

Effettuare una rincorsa con stacco finale sul materasso.

Eseguire solo la parte in curva con un leggero preavvio, eseguire la rincorsa completa aggiungendo due o quattro appoggi nella parte iniziale.

L’atleta deve essere in grado di gestire una rincorsa di salto in modo corretto sia da un punto di vista ritmico che dello spazio.

  • definire una rincorsa tracciando a
    terra il riferimento della partenza e
    dell’ingresso in curva. A seconda
    delle esigenze pu˛ essere utile porre
    un riferimento a metÓ curva ed al
    punto di stacco

  • la partenza pu˛ avvenire da fermi o
    con un leggero preavvio

  • verificare l’adeguatezza dei
    riferimenti intermedi della rincorsa
    ed eventualmente riposizionarli in
    modo corretto

  • modulare la velocitÓ a seconda delle
    capacitÓ dell’atleta di “tenere” e
    verticalizzare lo stacco

  • sono valide le indicazioni date nei
    video precedenti








Esercitazioni tecniche per la corsa del SALTO IN ALTO